Donna Bambino

LO STRUMENTO TERAPEUTICO EMDR E IL SUO UTILIZZO


 

Quando, all’ultimo anno dei miei studi di specializzazione in Psicoterapia, ho avuto la possibilità di frequentare la formazione di “primo livello EMDR”, ne ero molto affascinata, ma anche un po’ scettica. Avevo studiato il trauma e le conseguenze importanti, a volte devastanti, sulla psiche. Mi chiedevo perciò come fosse possibile curare queste sofferenze utilizzando il movimento degli occhi. Non è ipnosi (si è coscienti per tutta la durata del processo), non è magia né suggestione (ci sono numerosi studi scientifici al riguardo, anche analizzando le immagini del cervello prima e dopo il trattamento). Mi chiedevo allora come fosse possibile innescare questo processo verso la guarigione dal trauma.

Ora cercherò di spiegarvi come funziona. I traumi sono stati definiti anche “ferite dell’anima”, come qualcosa che rompe il consueto modo di vivere e vedere il mondo. Esistono diverse forme di esperienze traumatiche : i “piccoli traumi”, ovvero quelle esperienze soggettivamente disturbanti che si provano per lo più nelle relazioni (un’umiliazione subita o delle interazioni brusche con delle persone significative durante l’infanzia), i traumi più gravi, ovvero tutti quegli eventi che portano alla morte o che minacciano l’integrità fisica propria o delle persone care. A questa categoria appartengono i disastri naturali, abusi e violenze, incidenti, lutti. La ricerca ha dimostrato che, a seguito di un evento stressante, in alcune persone c’è un’interruzione del normale modo di processare l’informazione da parte del cervello. Questo avviene perché l’impatto stressante dell’evento è soverchiante rispetto alle possibilità che ha l’individuo in quel momento di elaborarlo ed integrare l’esperienza in un sistema di significato coerente. Emozioni di intensità estrema (ansia, depressione), perdita di controllo, impotenza, sono sintomi importanti che prova una persona traumatizzata.

Nella seduta EMDR (acronimo che significa desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari ), la persona si focalizza sul ricordo dell’esperienza traumatica o stressante accompagnata dal terapeuta che la guida nei movimenti oculari o in altre forme di stimolazione alternata destro/sinistra che favoriscono la connessione tra i due emisferi cerebrali. Dopo le sedute di EMDR, i ricordi disturbanti legati all’evento traumatico hanno una desensibilizzazione, perdono cioè la loro carica emotiva. Il cambiamento solitamente è rapido, indipendentemente dagli anni che sono passati dall’evento. L’immagine cambia nei contenuti e nel modo in cui si presenta, i pensieri intrusivi in genere si attutiscono o spariscono, diventando più adattivi e le emozioni e sensazioni fisiche si riducono di intensità. L’elaborazione dell’esperienza traumatica che avviene con l’EMDR permette al paziente di cambiare prospettiva, cambiando le valutazioni cognitive su di sé, incorporando emozioni adeguate alla situazione oltre ad eliminare le reazioni fisiche negative. Questo permette, in ultima istanza, di adottare comportamenti più adattivi. Dal punto di vista clinico e diagnostico, dopo un trattamento con EMDR il paziente non presenta più la sintomatologia tipica del disturbo post-traumatico da stress, quindi non si riscontrano più pensieri e ricordi intrusivi, i comportamenti di evitamento o di eccessiva allerta. Un altro cambiamento significativo è dato dal fatto che il paziente discrimina meglio i pericoli reali da quelli immaginari condizionati dall’ansia.

Spesso i pazienti riferiscono che il ricordo dell’esperienza traumatica sembra più lontano, e lo vivono in modo distaccato, non più disturbante. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, nell’agosto del 2013, ha riconosciuto l’EMDR come trattamento efficace per la cura del trauma e dei disturbi ad esso correlati.

Lo psicoterapeuta, che ascolta e accompagna la persona nella comprensione di sé ricercando le cause del disagio psicologico, può utilizzare questo trattamento nel momento in cui riscontra che queste cause siano da ricercare in esperienze traumatiche del passato. L’EMDR, oltre che per rielaborare il passato, può essere utilizzato anche per rinforzare le risorse della persona ed aiutarla a ritrovare uno stato di rilassamento e benessere.

Dr.ssa Psicoterapeuta Baldini Cristina

GRUPPO LA CLINICA DONNA BAMBINO

Abbiamo creato la community LA Clinica DONNA BAMBINO attiva su WhatsApp. Nel gruppo vengono costantemente pubblicate notizie e consigli su come affrontare correttamente l’attività sportiva e come mantenersi in forma.

Per iscriversi basta accedere a WhatsApp e inviare il messaggio DONNA BAMBINO al numero +39 0342 1980025

PRENOTA UNA VISITA


Vuoi prenotare un appuntamento a LA Clinica San Rocco?
Compila il form con i tuoi dati indicando anche un contatto telefonico per essere immediatamente contattato per conferma:

Rimani in contatto con
la clinica san rocco

Inviamo tramite email le migliori notizie, opportunità e i consigli dei nostri specialisti per vivere meglio!

GRUPPI WHATSAPP

Invia un messaggio WhatsApp al numero
0342 1980025 scrivendo nel testo “SPORT E REHAB”, “DONNA BAMBINO” oppure “NUTRIZIONE” per iscriverti al gruppo di tuo interesse.